Tallard: visita al tempo dei cavalieri

Tallard è un comune situato a 12 km da Gap, a sud della città. Ricco di patrimonio storico, il suo cuore è la testimonianza di un passato onnipresente.
Giovani e vecchi avventurieri, andate a scoprire il tempo dei cavalieri! 

Il Castello di Tallard

Castello del XIV - XVI secolo classificato come monumento storico dal 1969.

Attenzione: dal 2017 - chiuso per lavori*.

 

Le sue prime pietre sono state edificate dai cavalieri di Saint-Jean di Gerusalemme (ordine di Malta) 800 anni fa.

Dopo aver appartenuto a varie famiglie di signori, venne acquistato dal comune di Tallard nel 1957 ai discendenti della famiglia Clermont-Tonnerre.

Da allora beneficia di un restauro progressivo. Visite guidate, concerti, esposizioni, illuminazioni notturne e spettacoli medievali si svolgono in un ambiente medievale.

Una tavola di orientamento è stata installata sul piazzale del castello.\n\nScoprite all’entrata del castello il parco della Garenne, nel quale gli alberi maestosi sono i testimoni del tempo che scorre.

Un tavolo di orientamento è stato installato sulla spianata del castello.

All'entrata del castello, scoprite il parco della Garenne, dove gli alberi maestosi sono i testimoni del passare del tempo.

 

Si organizzano visite guidate al castello. Trovate tutte le informazioni qui

 

* Dall'estate del 2017, chiusura temporanea ma necessaria del castello di Tallard, il tempo di una grande campagna di restauro e sviluppo del monumento. Con il sostegno della Direzione Regionale degli Affari Culturali (DRAC), il comune lavora allo sviluppo e alla diversificazione culturale del suo patrimonio storico. Le visite guidate del sito sono offerte secondo l'interesse delle varie fasi, rispettando i requisiti di sicurezza e le scadenze.

Una newsletter è proposta dal dipartimento di comunicazione del comune per seguire le notizie di questa operazione: service.comm@ville-tallard.fr 
 

Il villaggio medievale di Tallard 

Tallard è citata per la prima volta nei testi del VII secolo. La città antica si situava sulla collina al di sopra del villaggio di Lettret, luogo chiamato ancora oggi “Città Vecchia”. Nel XV secolo gli abitanti installarono il loro villaggio nella vallata quando i principi d’Orange diventano proprietari delle terre di Tallard e protettori degli abitanti di Tallard.

Circondata da bastioni e da fossati fino al XVII secolo, la città dispone di un ospedale tenuto da religiosi, di una strada centrale dove si trovava la maggior parte dei commerci e diverse abitazioni. Oggi, eccetto i fossati, le tracce del passato sono ancora ben visibili nel centro storico. Venite a scoprire questa architettura tipica nonché gli edifici storici del cuore del villaggio, come la chiesa Saint Grégoire classificata monumento storico.

I Giardini “Le Conquiste”

Nel 1787, gli abitanti di Tallard hanno conquistato queste terre sulle alluvioni della Durance per permettere ai paesani di disporre di orti in caso di carestia. In questo settore emblematico del comune, questi giardini rispondono alle nuove tecniche di giardinaggio - senza concimi né pesticidi - iniziate da René Léautier, giardiniere conferenziere.

Un giardino di 600m² è stato conservato, preparato e pulito per accogliere il progetto. Scoprite questi giardini, ai piedi del dirupo del castello...  Approfittate delle nostre visite guidate per scoprire i misteri delle vecchie pietre!

Chiesa di San Gregorio

Classificata come monumento storico il 30 maggio 1931, la chiesa è dedicata a San Gregorio.

Questa chiesa fu costruita nel 1640 (vedi la data sopra la porta d'ingresso all'esterno) e nel 1644 (vedi la data sulla chiave di volta sopra l'altare). L'autore dei piani era un professore gesuita di Embrun, il reverendo padre Léoutaud. L'appaltatore era il tallardiano Michel Reyberet, "scalpellino, muratore e architetto".

Quando volevano dargli il titolo di San Gregorio, si sono resi conto che non era canonizzato. La questione era senza dubbio sulla buona strada per essere risolta a Roma, perché questo desiderio fu rapidamente accettato da Papa Innocenzo X. 

La fonte battesimale, che sembra risalire al XVI secolo, è incassata nel muro del campanile. Accanto c'è uno stendardo che rappresenta San Gregorio. Fu offerto in abbonamento dalle donne di Tallard nel 1840.

La navata centrale è decorata con sei dipinti che rappresentano la vita di San Gregorio. Realizzate nel 1743 da due pittori italiani Amadeo Grassi e Silvestro Millesi, saranno restaurate nel 1839 e nel 1987. Piccolo anacronismo, gli abiti del santo vescovo sono del XVII° mentre questo vive nel IV° secolo.

Fonte : Municipio di Tallard

L’aerodromo

Con questi paesaggi alpini e il sole del mediterraneo, il risultato è ineguagliabile: 330 giorni di voli all’anno, in estate e in inverno!

 

Sin dai primi giorni, nel 1937, l’aerodromo di Tallard non ha mai cessato di sviluppare la sua attività, che conta circa 60.000 movimenti aerei all’anno e 80.000 salti in paracadute.

L’aerodromo è la prima piattaforma europea aerea ludica grazie alla sua aerologia eccezionale che permette di praticare tutte le discipline aeree leggere: aereo, elicottero, paracadutismo, ULM, aliante, mongolfiera, paramotore, parapendio...

Riconosciuto all’unanimità da tutti i piloti e campioni e a soltanto qualche battito d’ali dal Mediterraneo, Gap-Tallard è un luogo di volo unico al mondo. 

 

Découvrez nos prestataires de sports aériens

Etichette della città di Tallard